Area Soci ANCAD

Sei socio Ancad? Inserisci username e password che hai ricevuto per mail e accedi ai contenuti esclusivi.

    
07/04/2016

2016 si consolida il cambiamento

Il mercato dentale si è sviluppato con logiche che avevamo previsto e descritto. Di fatto tutta la filiera dentale ha subito forti traumi e cambiamenti radicali, che personalmente definisco “normalizzazione ed adeguamento”.

E’ infatti assolutamente normale che un paziente diventi cliente e valuti le nuove opportunità, normale che le strutture più organizzate, moderne e articolate si sviluppino verticalmente, mentre altre strutture vecchie e fortemente speculative si riducano o addirittura spariscano.

Normale che le realtà distributive o produttive più vetuste e incapaci di gestire le nuove dinamiche del mercato spariscano o assumano ruoli insignificanti.

Assolutamente fisiologico che vi siano concentrazioni distributive o industriali, in grado di affrontare il mercato con sempre maggiore competitività e dinamicità.

Insomma nulla di imprevisto, nulla di sconvolgente, semplicemente percorsi adeguati alle nuove logiche economiche e sociali, che per i più attenti si sono tramutate in opportunità, mentre per altri il loro baratro.

Il mercato dentale ha così assunto una conformazione nuova, già piuttosto definita, anche se in continua e forte evoluzione.

Queste nuove dinamiche impongono percorsi obbligati, che la nostra associazione ha già iniziato a percorrere alcuni anni orsono, dimostrando lungimiranza e una ottima visione del mercato.

Ci sono concetti e strategie imprescindibili, prima fra tutte è sicuramente quello di una simbiosi collaborativa fra distribuzione e produzione. Queste due anime, pur mantenendo il proprio ruolo specifico devono iniziare a condividere realmente, obiettivi, percorsi, strategie e sempre più devono avere la capacità di portare valore aggiunto, idee e servizi ai propri clienti. 

Il ruolo della distribuzione e della produzione deve cambiare sostanzialmente e deve spostarsi su una logica “commerciale indotta”, dove sono i servizi e la consulenza a dominare e i prodotti sono un mezzo per raggiungere i fini stabiliti.

Per fare questo il comparto dentale italiano deve cambiare radicalmente, deve puntare su figure che hanno una competenza e una cultura propositiva completamente diversa da quella attuale e questo non sarà facile.

Altro punto che sosteniamo da tempo è quello di iniziare un percorso di “pubblicità sociale”, per promuovere alla popolazione tecniche e nuovi sistema di cura e trattamento.

Anche se questo non sarebbe il nostro ruolo, dobbiamo sfruttare al meglio questa opportunità, infatti se vogliamo aiutare il settore a crescere questo è un passo obbligato, abbiamo l’interesse e il dovere di aiutare i nostri clienti a sviluppare il loro business attraverso l’adeguamento tecnologico e una comunicazione mirata e professionale.

Mai come ora bisogna adottare strategie di sviluppo del settore e mai come ora bisogna attuare politiche per la sensibilizzazione delle cure odontoiatriche, in un paese come il nostro, dove il potenziale di sviluppo potrebbe essere fra i più alti d’Europa.

Il 2016, sarà un anno importante per la nostra associazione, infatti se riusciremo a catalizzare un maggior numero di aziende attorno a noi, potremo finalmente sviluppare al meglio, quel ruolo politico che mai come ora è indispensabile per tutelare l’intera filiera del nostro settore. 

Il 2016 sarà comunque un altro anno piuttosto complesso, ma vi sono alcuni fattori che sicuramente aiuteranno lo sviluppo economico. Oltre alle misure adottate dal governo in materia di benefici fiscali e super ammortamenti, ritengo che molti studi inizino a capire che l’adeguamento e l’adozione di nuove tecnologie sono passaggi obbligati per la loro

sopravvivenza.

Un’associazione forte e organizzata può essere una risorsa straordinaria per creare strategie di sviluppo del settore, che comunque ha un potenziale latente straordinario.

Una serie di fattori che fanno sperare in un 2016 positivo e in crescita.

 

Paolo Bertozzi

Vice presidente Ancad

 

“Il vostro rivale più accanito è la vostra stessa visione del futuro.

“ Watts Wacker & Tim Taylor”


TORNA INDIETRO



Associati