Area Soci ANCAD

Sei socio Ancad? Inserisci username e password che hai ricevuto per mail e accedi ai contenuti esclusivi.

    
15/03/2016

SPONSORIZZAZIONI – NUOVE INDICAZIONI

Con sentenza n. 224/1/2015 la Commissione Tributaria Provinciale di Forlì ha respinto un accertamento dell’ Agenzia delle Entrate, in tema di sponsorizzazioni, con questi argomenti:

a) il contribuente ha esibito sufficiente documentazione (l’ Agenzia sosteneva il contrario) e cioè: il contratto pubblicitario, una dichiarazione della società sportiva attestante le prestazioni svolte durante la stagione sportiva, copiosa documentazione fotografica dei cartelli, delle locandine e di pubblicazioni riportanti il logo del contribuente stesso in occasione – si arguisce – delle varie gare;

b) i costi risultano congrui, essendo pari al 2% del volume di affari (aumentato tra l’ altro nell’ anno della sponsorizzazione);

c) nel valutare l’ economicità o antieconomicità della spesa si deve tener conto del numero di gare stagionali in cui si articola la prestazione pubblicitaria complessiva (l’ Agenzia sosteneva che la spesa doveva considerarsi antieconomica “”in relazione al bacino di utenza ed al limitato ritorno economico…””).

Una rondine, come si dice, non fa primavera. Però qualche spunto lo si può ricavare, nel bene e nel male. L’ aumento del fatturato aziendale proprio nell’ anno della sponsorizzazione (lett. b) è stata una bella fortuna (o forse, in una lettura maliziosa, fu la “causa” stessa della sponsorizzazione, attuata – si legge – proprio nell’ ultima parte dell’ anno).

In ogni caso si raccomanda, su questo problema, il massimo rispetto delle formalità oltre che della verità.


TORNA INDIETRO



Soci Ancad 2016